Categorie
Blog Disneyland

Rise of the resistance, gli ologrammi di Star Wars sono realtà

Definita dalla stessa Disney come l’attrazione più complessa mai costruita in un parco a tema, è in grado di stupire i visitatori con effetti speciali tanto raffinati da lasciare chiunque a bocca aperta. Qui il mondo di Star Wars è realtà.

L’ologramma

L’immagine di Rey si materializza al centro del macchinario, un ologramma in perfetto stile guerre stellari, e i trucchi più semplici si sa, sono anche quelli che riescono meglio. Uno specchio taglia esattamente a metà la scenografia, quindi ciò che si vede è per metà solo un riflesso.

Le luci nella stanza sono programmate per camuffare al meglio la presenza dello specchio, e la sua posizione in alto, non permette ai visitatori di vedersi riflessi.

L’ologramma di Rey viene realizzato con un proiettore. La superficie riflettente funziona infatti come lo schermo di un cinema, ma al contrario, in quanto il proiettore, quindi la fonte di luce, è posta dietro lo schermo. In questa attrazione gli imagineering hanno scelto di utilizzare i proiettori ad altissima definizione di Panasonic. Secondo quanto dichiarato dalla stessa casa produttrice, trattasi dei Panasonic PT-RQ13K 4K+, che utilizzano la tecnologia laser “Solid Shine” per una resa dei colori particolarmente vivida, rispetto alle tradizionali lampade.

L’ologramma infine è reso più reale grazie a una alterazione prospettica, ottimizzata per la visione dal punto di vista dei visitatori. Sommando questo accorgimento all’altissima definizione della proiezione, Rey sembra quasi il riflesso di un animatronics!

La gif animata mostra in breve la presenza dello specchio e la posizione del proiettore.
L’animazione mostra la disposizione dello specchio e del proiettore.

Scrivi un commento...